Stagione 1993-94

LA FILODRAMMATICA  CITTADINA CE TIEMPI INIZIA UN NUOVO CAPITOLO DELLA PROPRIA  STORIA

Il 19 e 20 marzo 1994 la Ce Tiempi inaugura, presso il Teatro Don Bosco di Manduria, la propria 21ª stagione teatrale, in collaborazione con il gruppo Teatro dell’Arte. Sulle scene è rappresentata Lu Scarfaliettu, divertente commedia di Eduardo Scarpetta, tradotta in manduriano dal dott. Franco Candeloro.
Gli attori che la interpretano sono: Aldo Chimienti, Mari Giammarino, Roberto Stano, Ada Baldari, Fiorenzo Demauro, Rocco Sgura, Uccio Sammarco, Giuseppe Canaglia, Maria Antonietta Libardi, Dina Dicursi, Salvatore Andrisano, Franco Mingolla, Riccardo Piccinni, Gianfranco Ninni, Pasquale Chirico, Jessica Saponaro. Presentano Mimmo Colapinto e Daniela Dimitri.

Il 26, 27 e 28 marzo, in occasione della Santa Pasqua, la filodrammatica collabora alla rappresentazione, al Teatro Don Bosco di Manduria, della passione e morte di N. S. Gesù Cristo nello spettacolo Gesù Nazzareno. Si consolida, per l’occasione, la collaborazione con gli amici del Teatro dell’Arte; buoni risultati dà pure la collaborazione con il Centro Culturale ELAIV

MANDURIA E LUCERA SI GEMELLANO NEL TEATRO

Il 17 aprile, in occasione del gemellaggio con il gruppo lucerino Amici dell’ Arte, la Ce Tiempi si cimenta nella rappresentazione de Lu Scarfaliettu sul palcoscenico del Teatro dell’ Opera di Lucera.
La compagnia, oltre ad esibire le proprie apprezzate qualità, porta in terra foggiana vernacolo, usi e costumi manduriani. L’iniziativa, avviata e realizzata dai Lions dei due Comuni, permette di congiungere, attraverso il teatro, due culture differenti ma, al contempo, assai simili. L’ensemble manduriano riceve una calorosa e squisita accoglienza da parte del presidente dei Lions di Lucera, Antonio Vecchiarino e di tutti i componenti del gruppo Amici dell’Arte, con la promessa di ritrovarsi al più presto a Manduria.

24 aprile: promessa mantenuta. Gli amici lucerini visitano le attrattive locali e calcano le scene del nostro Teatro Don Bosco con la loro commedia Ze Necole di G. Benincaso,  nella quale l’autore riesce a portare sapientemente sulle scene alcuni momenti reali della vita quotidiana lucerina.
Il gemellaggio si rivela davvero interessante ed il pubblico dei due Comuni mostra di gradire molto, nonostante la diversità del dialetto, partecipando con interesse e applaudendo a lungo i protagonisti.

TEATRO MARE

Il 14 luglio la compagnia Ce Tiempi replica Lu Scarfaliettu…in riva al mare, ovvero a S. Pietro in Bevagna, in occasione della 1ª Rassegna del teatro popolare “Michele Greco”.
Il 10 agosto Lu Scarfaliettu viene replicato presso il ristorante-pizzeria Araba Fenice. Anche questa serata riscuote grande successo di pubblico non solo manduriano. Numerosi sono infatti i turisti che scelgono  di sorridere… sotto le stelle.